Nipote del pittore Mauro, nato a Milano il 30 maggio 1852, morto quivi il 23 gennaio 1917. Studiò all'Accademia di Brera ed all'Istituto Tecnico Superiore conseguendo anche il diploma di architetto. Si dedicò, poi, alla pittura, facendosi dapprima conoscere con le sue acqueforti, tra cui quella del Cortile di Palazzo Marino che fu esposta nel 1877 al Salone di Parigi. Fu amico di Cremona e di Ranzoni, ed incominciò a dipingere appunto vicino a loro, anche spiritualmente: infatti la sua prima opera, Ragazzi in giardino (1879), è nettamente cremoniana. Verso il 1880, con le acqueforti della Casa del mago, col quadro Le streghe, ed altri simili, si rivelò pittore personale, fantasioso e misterioso. Ma anche questo nella sua pittura non fu che un momento. Sempre ansioso com'era di nuove esperienze e di nuove conquiste, arrivò a creare, soprattutto negli ultimi anni della sua vita, opere a volte tutte ombra e mistero (I notturni), a volte perdute in una chiarezza calma e pura. La sua prima esposizione importante fu quella tenuta a Brera nel 1880, nella quale fra altri suoi lavori (i ritratti dei signori Pozza; Una testina; Aria e sole; Ombra; Luce; Pioggia; ecc.) figurava il quadro Le streghe, che scandalizzò pubblico e critica. Partecipò più volte, spesso vincendo, ad esposizioni italiane ed estere. Nel 1900 ottenne un premio a Parigi; nel 1891 espose a Monaco, dove, nel 1913, il suo quadro Notte serena ebbe la medaglia d'oro. Tra le sue opere più importanti si citano: Intermezzo (1886); La strada del mago (1890); Il trono della bella Mantesca (1891); e gli altri quadri di questo ciclo incompiuto, intitolati Fiabe e leggende; e poi: La morte del bimbo; Amor materno; Variazioni di mezzanotte (1909), una delle quali è alla Galleria d'Arte Moderna di Roma; Madonnina; Nudo femminile (acquerello); Incontro di Gesù con le pie donne (1903); Danaide (1891), tutti alla Galleria d'Arte Moderna di Milano; Lago di Varese (1910) in una collezione privata milanese; Ritratti della famiglia Gallina; Paesaggi, miniature ed acquerelli nella collezione Turri di Milano; La bagnante (1903); Fausto e Margherita (1912); Il respiro della notte (1914); Sui bastioni di Manforte (1915); e molti ritratti tra cui quelli di Tulio Massarani (1905-1906); della Signora Torelli; della Signora Valdata; di Primo Levi; del dr. Carlo Carpentari (gli ultimi due nella Galleria d'Arte Moderna di Milano). Innumerevoli sono le sue caricature sparse ovunque, soprattutto sul «Guerin Meschino».

Милан

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Генуя

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map