Nato a Salerno il 27 gennaio 1857. Dimorò per lunghi anni a Venezia, e trattò il quadro di genere, il paesaggio, la marina, gli interni. Aveva studiato a Napoli ed ancor giovane, nel 1880, aveva esordito alla Promotrice «Salvator Rosa», nella quale poi aveva figurato sino al 1896, presentandovi successivamente: È partito; Le nuove ospiti; Marina di Capri; In Piazza d'Erbe (Venezia); A Chioggia; Canale interno di Venezia; Pioggia d'estate. Partecipò inoltre ad importanti esposizioni tenutesi in Italia ed all'estero: nel 1891, a Milano, con Marina di Capri; Veduta di Capri e Graziella; nel 1891-1892 alla Nazionale di Palermo, con Marina di Capri e Studio dal vero; nel 1892, alla Mostra tenutasi in Genova per il Quinto Centenario Colombiano, con Piazza d'Erbe di Verona; Canal Grande da Ca' Foscari; Visita alla stalla; a Roma, l'anno seguente, col citato Piazza d'Erbe di Verona; A Venezia e Battistero di San Marco; a Milano, nel 1894, con A Venezia; Ponte del Lavo; Ca' d'oro; a Venezia, alla prima Esposizione Internazionale, con Ultimi raggi; a Roma, nel 1895-1896, con Pioggia improvvisa; Prima voce e Un po' di politica; a Torino, nel 1896, con Ultimi fiori, e nello stesso anno a Berlino con Prima chiamata ed il citato Un po' di politica; a Monaco di Baviera, sempre nel m 1896, con Verso il tramonto; a Firenze nel 1896-1897, con: " Le farfalle; Un quadro in piazzetta a Venezia; Ultimi fiori e Fiori nascenti; a Milano, nel 1897, con A Venezia; alla Quadriennale torinese del 1898 con: Fine di un giorno; Una pagina interessante e / vitelli premiati, lavoro che riportò successo particolare; a Monaco Principato, nel 1901, con Durante la festa; a Torino, nel 1902, con Luci diverse; Inverno triste e La polenta; a Monaco di Baviera, nello stesso anno, con Opposti torrenti; a Roma, nel 1904, con: Freddo; Sfogliando; La vigilia di Natale alla Pescheria e La polenta; a Roma, nel 1905, con: I vicini; Desinando; Studio e Diverse luci; a Roma, nel 1906, con: Lavorando; Una spia e Nel bosco; nello stesso anno all'Internazionale di Milano, con: Sola; Fiori d'alpe e Nel bosco; alla Biennale Veneziana del 1907, con: Canto della sera; Automobile; Convegno imminente; Neve e A Pedavena; a Roma, alla Mostra degli « Amatori e Cultori » del 1908, con: Verso la fonte; Note autunnali e I vitelli premiati; a Milano, pure nel 1908, con Alcool (trittico); a Venezia nel 1908 ancora, con La Vergine delle rose; all'Internazionale Veneziana del 1909, con: Il frutteto e Baci di sole; a Milano, nel 1910, col già detto Vigilia di Natale in Pescheria Santa Margherita e Attraverso il bosco; nello stesso anno alla Biennale Veneziana, con: Dal mio studio di Pedavena e Ritorno dal mercato; a Buenos Aires, con Luci diverse ed a Santiago del Cile, con La spia; a Venezia, all'Internazionale del 1914, con: San Marco e Ricordo di Salerno. Fu dunque un paesista, nel complesso, curioso di tutti gli aspetti della natura e mai pago della varietà dei luoghi. Sue parole sono: «Volli tenermi fermo nel circolo delle mie visioni e non mi scostai mai dai risultati che il mio ingegno poteva offrire al pubblico ».

Милан

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Генуя

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map