Nato a Ferrara il 29 settembre 1857, da poveri contadini, morto a Milano il 14 giugno 1931. Rimasto orfano del padre a cinque anni, ebbe una fanciul¬lezza misera e tribolata che gli fece conoscere presto il dolo¬re. Iniziò i suoi studi all'Ateneo di Ferrara e con un assegno concessogli dal Comune passò all'Accademia di Parma, poi a Brera a Milano, dove studiò col Casnedi, col Ferrano, col Berlini. L'assegno ferrarese era troppo misero per mantenere una famigliola mentre studiava; per questo si cercò un la¬voro manuale. Nel 1880 venne nominato insegnante di prospettiva e scenografia all'Accademia di Brera, ed egli si im¬pegno in tale carica come una missione ed un apostolato, per oltre quarant 'anni. La sua notorietà artistica risale al 1891, quando espose alla Triennale di Milano Ora triste. Quattro anni dopo presentò al pubblico Lacrime, con lo sfondo architettonico disegnato solidamente, che doveva poi divenire la parte caratteristica del complesso delle sue opere. Fu assiduo espositore alle Biennali di Brera dal 1895 al 1914; inviò ope¬re a quasi tutte le Internazionali di Venezia e partecipò alle principali Mostre italiane e straniere. Le sue opere più note sono: Panem nostrum quotidianum; Visione triste, che appar¬tiene alla Galleria d'Arte Moderna di Venezia; Gloria (trit¬tico), conservata in quella di Roma; Il morticino in quella di Milano; Piazza San Marco a Venezia, proprietà De Vec¬chi; Il Viatico, nella raccolta Zuccoli; Chiesa abbandonata, in quella Sommariva di Milano; Ombra; Veglia; Pace; L'ani¬ma delle pietre; Settimana di passione (trittico); Eterno altare, (trittico); L'ingresso della Certosa di Pavia; II dominatore; Madre operaia, alla quale fu assegnato, a Milano nel 1900, il Premio Principe Umberto. Egli seppe anche amal¬gamare l'elemento fantastico col reale. In tutte le sue figurazioni la nota patetica è sempre la più vibrante. Suo è il ci¬clo di studi paesistici fatto nei luoghi del francescanesimo, e altrettanto i disegni di Roma antica pubblicati nel volume « Roma », il cui testo fu scritto da Luca Beltrami. Quando fu creata la Scuola d'arte applicata, presso l'Istituto di riedu¬cazione fisica dei Mutilali di guerra, ne fu affidata la dire¬zione al Mentessi. Fu anche un acquafortista di rara preci¬sione e di grande sensibilità. Emulò il Conconi nel raggiun¬gimento di violenti risalti di luce e di effetti notturni. Si ri¬cordano in questa sua geniale attività Lagrime; L'aggressio¬ne; II funerale, episodi delle quattro incisioni illustranti Il dramma nel giorno della Sagra. Altre acqueforti: L'interno di chiesa barocca; Facciata di chiesa barocca; II tavolo dello studio. Fu il maestro di A. A. Alciati, di R. Brambilla, di G. Galbusera, di A. Rizzi.

Milano

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Genova

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map