Nato a Susa il 15 agosto 1825, morto a Milano il 10 aprile 1909. Studiò all'Accademia Albertina a Torino sotto Carlo Felice Biscarra e Carlo Arienti. Partito da una forma eminentemente romantica, si avviò verso una più salda e costruita, pur conservando nella sua pittura un delicato senso di poesia elegiaca. Una delle prime opere, che gli dette notorietà, fu Pandolfo e Lamberto di Polenta. Nel 1857 fu chiamato da Enrico Gamba quale suo aggiunto nell'insegnamento del disegno di figura all'Accademia di Torino. In questo periodo dipinse: Jacopo Foscari in carcere; Provenzano Salvani; Fra Dottino; Margherita Condotti al patibolo. Nel 1861 si trasferi a Milano e per invito di Massimo d'Azeglio fu aggiunto di Raffaele Casnedi alla cattedra del disegno di figura all'Accademia di Brera. L'insegnamento non gli impedì di portar a termine grandi e belle tele come: Parisina (1861); L'addio di Ugo a Parisina (1863); Faust e Margherita (1864); Passaggio travaglioso di Federico Barbarossa a Susa (1869), esposta a Milano poi a Torino dove rimase in quel Museo Civico con Lo sgombero forzato e le altre opere sunnominate; Il riposo (1870); L'onda (1871); In cerca di frutti di mare (1882), nella Pinacoteca di Brera a Milano; Un raggio di sole (1883), nella Reggia di Capodimonte; La vendemmiatrice, esposta a Brera ed acquistata dal Re. Nel 1885 lasciò l'insegnamento per dedicarsi esclusivamente alla produzione artistica, cui attese fino a tarda età. Nel 1894 espose Pescatori, proprietà del sen. Ettore Conti; poi: Van Dyck dipinge i ritratti dei figli del re Carlo I d'Inghilterra (1895), di proprietà reale; La Mignon, proprietà Erba; Le Villi; Sotto l'onda e Al bagno, che figurarono all'Esposizione Nazionale di Milano nel 1906. Nelle lunette dell'ottagono della Galleria di Milano e nelle mezze lunette dei bracci minori aveva compiuto gli affreschi dell'Asia e dell'Industria (1866-67) che, sciupati dall'umidità, vennero sostituiti dai mosaici che ottimamente li riproducono. Amante del mare, ne ritrasse in numerose opere le tinte smaglianti e i momenti più irosi. Altri lavori: Il cader delle foglie; Pettegolezzi al fonte; La ravveduta; Bastimento in vista; La figlia del pescatore; L'arrivo degli invitati. Nella Galleria d'Arte Moderna di Milano trovansi inoltre : Testa di donna; Venditrice di ciliege; L'Asia (bozzetto per l'affresco nell'ottagono della Galleria) e Testa di giovane signora.