Napoletano. Esordì all'Esposizione Nazionale di Napoli del 1877, poi espose alla Mostra Nazionale di Torino del 1884, e in seguito alle varie mostre della Promotrice « Salvator Rosa » di Napoli. Trattò la natura morta, il quadro di genere e il paesaggio. Buon colorista, forbito disegnatore, si ricordano di lui principalmente: Dopo il tramonto; Mala pesca; Cassino; La processione dei fanciulli alla festa dei Ponti Rossi; Finita la vendemmia; Un bagno pubblico a San Giovanni a Teduccio; San Germano.