Nato a Cuneo il 27 maggio 1870, vivente. Allievo di Pier Celestino Gilardi e di Andrea Gastaldi all'Accademia Albertina di Torino, esordì alla Promotrice di quella città nel 1887. Nel 1898 all'Esposizione Nazionale di Belle Arti in Torino si affermò con la grande tela I reietti. Buon paesista, sa soddisfare le ragioni della propria arte senza allontanarsi dal gusto del pubblico. Nelle sue opere vibra un sentimento che si esprime pittoricamente in toni grigio-perlacei e in rosati tramonti. Egli ha sempre partecipato alle esposizioni nazionali e locali di Roma, Napoli, Firenze, Milano, Torino, Bologna; e all'estero ha figurato al Salone d'Autunno di Parigi, e ad una Esposizione Internazionale di Buenos Aires. Un centinaio di suoi dipinti è disseminato sui transatlantici della Società di Navigazione « Italia ». Due fra i suoi migliori paesaggi sono nella Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Rosso in Genova; altri notevoli dipinti sono nella Galleria Peregallo in Napoli e in varie raccolte private di Genova.