Nato in Egitto, a Il Cairo, il 16 dicembre 1845, da una famiglia toscana, muore a Firenze nel 1938. Studia giovanissimo a Livorno con l’insegnante e scrittore Dino Provenzal e, a trent’anni, prende uno studio in corso Amedeo insieme all’amico e pittore Eugenio Cecconi. Si avvicina tardi al gruppo dei macchiaioli, che frequenta nell’ambiente livornese e a Castiglioncello, dove conosce, tra gli altri, Diego Martelli, Giovanni Boldini e Giuseppe Abbati. Nel 1871 compie un viaggio in Tunisia insieme al Cecconi, facendo tesoro di questa esperienza nel cromatismo acceso dei suoi quadri successivi. Nel 1887 è presente con Aiselia e Prima del Minuetto alla Mostra di Venezia. Si dedica prevalentemente alla pittura di paesaggio, di soggetto orientale o della campagna toscana, risentendo della lezione dei macchiaioli, e alle scene di genere e al ritratto, di tipo romantico e mondano; scrisse Luigi Chiranti, a proposito di quest’ultime opere: “Una volta questo artista preferiva temi della vita faticosa del popolo: operai, artigiani, povera gente d'ogni maniera; ora con più accordo colle sue inclinazioni signorili e di gentiluomo, preferisce soggetti più adatti a figurare in quelle sale nelle quali si appendono alle pareti oggetti d’arte per lusso e decoro della casa”. Le sue opere sono conservate in collezioni private e pubbliche italiane, tra le quali la Galleria d'Arte Moderna di Palazzo Pitti a Firenze (Una fonte a Livorno).

Milano

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Genova

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map