Nato a Pollone, in provincia di Biella, il 17 gennaio 1840 e morto a Torino il 13 gennaio 1908. Dopo aver compiuti gli studi presso il collegio di Saint-Jean-de-Maurienne, nel 1854 s’iscrive all'Accademia Albertina di Torino dove frequenta i corsi di Enrico Gamba, Carlo Arieti e Andrea Gastaldi, diplomandosi nel 1862. Esordisce nel 1855 alla Promotrice di Torino presentando un acquerello, Testa di vecchio, dove si afferma nel 1860 con Un episodio dell'assedio di Ancona. Interessato dapprima alla pittura storica e di costume, che presenta alle varie esposizioni periodiche nazionali e straniere sino al 1880 (a Vienna nel 1873, al Salon di Parigi nel 1874 e nel 1878, a Torino nel 1880), decide successivamente di dedicarsi interamente alla pittura del paesaggio puro, che esegue ad olio quasi esclusivamente su piccole tavole, ispirandosi soprattutto ai luoghi a lui familiari del territorio piemontese: Torino, dove trascorre lunghe soste invernali per elaborare le tele di maggiori dimensioni, le campagna del Biellese e di Pollone, insieme a Genova, Roma e Venezia, dove trascorre la primavera e l’estate, infine i frequenti soggiorni a Miradolo, ospite dei conti Cacherano di Bricherasio e dalla contessina Sofia, la prediletta fra le sue numerose allieve. Soggiorna anche all’estero: a Parigi e a Berna (1878), in Olanda (1883) e in Svizzera (1892). Espone con frequenza alle maggiori rassegne in Italia e all’estero: in Piemonte, Lombardia, Liguria e poi a Venezia, a Roma, a Parigi, in Olanda, in Germania e in Svizzera. Alla Promotrice di Torino del 1884 In montibus sanctis (1883) è acquistata dal re Umberto I (ora in collezione privata, Billa) e Ombre secolari (1884) è scelta per essere destinata alla Galleria nazionale d’arte moderna di Roma, dove confluisce anche Alto Biellese, esposta a Venezia nel 1887. Nel 1907 oltre trenta tavole figurano alla settima Biennale di Venezia, dove viene allestita una sala personale. Muore a Torino il 13 novembre 1908. Ancora nel 1952 la Biennale di Venezia presenta un gruppo di ventiquattro sue opere nell'ambito della «Mostra dei paesisti piemontesi dell'Ottocento». Le sue opere sono conservate nelle principali collezioni pubbliche e private italiane ed estere, tra le quali si ricordano la Galleria d’arte moderna di Milano (Paesaggio, 1850, Mucca alla mangiatoia, 1875, Idillio campestre, 1880, Lungarno, 1880, Chierico che attizza un braciere, 1880, Lago di Mucrone, 1884, Scena campestre, 1892), la Galleria d’arte moderna di Palazzo Pitti di Firenze (Sotto Natale (La macelleria), 1883, Al Valentino, Paesaggio, 1889), la Galleria d’arte moderna di Genova (Cristoforo colombo in catene, 1864, La raccolta delle patate, 1887, Lago del Mucrone nel Biellese, 1898, Oraria, 1900), la Galleria Internazionale d'Arte Moderna di Ca' Pesaro di Venezia (Paesaggio Alto biellese, 1884, Veduta del parco Ludovisi a Roma, 1886), la Galleria civica d’arte moderna e contemporanea di Torino (Musei, 1871, Sul molo a Venezia, 1874, Paese (Brughiera in fiore), 1880, Bue squartato, 1882, Altipiano, 1883, Le allieve, 1885, Cavallo bianco, 1885, Campagna, 1887, Donne, 1888, Donna alla rocca (o Vecchia che fila o La parca), 1891, Mercato a Porta Palazzo ('L Balon), 1891, Buoi all’aratro, 1899), la Galleria internazionale d’arte moderna di Roma (Imminente luna, 1882, Ombre secolari, 1884, Alto Biellese, 1887, e diverse tavolette), il Museo Civico di Barletta (Paesaggio montano, 1900), la Galleria d’arte moderna Ricci Oddi di Piacenza (Arco di Tito a Roma, 1905), la Pinacoteca civica di Asti (Spes nostra salve, 1896), Il Museo del Territorio Biellese di Biella (Il Gigante, 1896, Pascolo nell’Alto Biellese, 1899, Paesaggio alpino con legnaia e Paesaggio alpino con capanna sul massiccio del monte Rosa, entrambi del 1900), la Pinacoteca di Bologna (A mezza strada, 1869), la raccolta d’arte della Fondazione Cariplo presso le Gallerie d’Italia a Milano (Campagna verso l'inverno, 1892, Autunno dorato, 1903, Autunno dorato o Tramonto a novembre (effetti di luce), 1904) e la raccolta d’arte della Banca Intesa (Paesaggio, 1887, Paesaggio montano. Valle d’Aosta, 1903).

stampa

contattaci

Strada per Courmayeur - 1895

Olio su tavola

Datato in basso a sinistra

vedi scheda

Milano

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Genova

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map