Nato a Settimo nel Pisano il 29 giugno 1846, morto a Firenze il 4 gennaio 1922. Fu allievo all'Accademia di Pisa di Annibale Mariani, e dì Enrico Pollastrini all'Accademia fiorentina. Attratto dal movimento del «macchiaiuoli», lasciò il metodo accademico per seguire di questi la parte simpatica e sana, senza farsi travolgere dagli eccessi. Fu premiato nel 1869 a Pistoia per il quadro Carlo Emanuele di Savoia scaccia l'Ambasciatore spagnolo. Dopo questo primo successo, cosciente della necessità di continuamente rinnovarsi senza tradire la propria natura, e dopo un periodo di indecisione e di transizione, di cui ci serbano traccia altri suoi quadri, quali L'Alfieri che visita Goldoni e Goldoni che visita Gian Giacorno Rousseau, trovò la sua strada nella osservazione e nello studio appassionato della natura. Le sue tele, ricche di risorse pittoriche, riproducono i soggetti più svariati: paesaggi, figure, marine, ritratti, quadri di genere, trattati da lui con uguale passione e maestria. Di agiate condizioni, lavorò specialmente per sé, mai per il commercio, poco per le esposizioni. Dopo quarant‘anni di studio e di lavoro, egli senti il bisogno di un giudizio definitivo sulla sua arte e, nel 1914, in una sala della Internazionale di Venezia, espose 53 opere che la critica lodò senza riserve e sulle quali Arduino Colasanti riassunse il suo giudizio sull'«Emporium» scrivendo: «Rinnovarsi senza tradire la propria natura, ecco il segreto della grandezza di molti artisti, e poiché Francesco Gioli si attiene a questa massima non per calcolo, ma per virtù spontanea del suo felice temperamento, ad ogni prova l'anima vibra con una sincerità che dà alla nuova opera una nuova giovinezza». I suoi principali lavori sono : Angelus Domini, premiato a Parma nel 1870; Ai campi in giugno, che a Londra nel 1885 ebbe una medaglia d'argento ed ora fa parte della collezione Nistri; Un incontro; Babbo ritorna; Vendemmia; Volterra, acquistato dal Comune di Firenze; Le lanaiole, acquistato dal Re e donato alla Galleria d'Arte Moderna di Venezia; Passa la processione, nella Galleria d'Arte Moderna di Roma; Alla messa; Il Monte di Pietà; Nebbie; Primavera; Mater dolorosa; Le boscaiole di San Rossore, esposto con grande successo a Perugia nel 1887; Renaioli; I due fratelli; Armonie fiorentine, notato all'Internazionale Veneziana del 1909 e acquistato dalla Compagnia Italiana Grandi Alberghi; L'incontro delle mule; La processione del Sabato Santo a Pisa; Giovane madre; Crepuscolo invernale, acquistato dalla Regina Madre. Molte ancora sono le sue tele sparse in raccolte pubbliche e private. Il suo capolavoro è Passa il Viatico, che venne premiato all'Esposizione Internazionale di Parigi del 1878. Fu uomo di animo semplice, buono, intimamente fiero.

stampa

contattaci

Fascinaia nel paesaggio

Olio su tela

Firmato in basso a sinistra

vedi scheda

Milano

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Genova

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map