Nato a Vasto (Chieti) il 16 giugno 1818, morto a Napoli l'il settembre 1899. Studiò all'Accademia di Napoli, discepolo di Camillo Guerra e di Costanzo Angelini, ma la lasciò presto per seguire gli insegnamenti di Giuseppe Bonolis, dal quale imparò ad amare il vero contro tutte le accademie; e quest'amore in lui durò grande e quasi esclusivo per tutta la vita. Fu soprattutto animalista, però dipinse anche qualche paesaggio, specialmente in gioventù, e qualche quadro storico come: Ettore Fieramosca; L'ultimo giorno di Pompei; La carica dei Cavalleggeri di Alessandria; Il Principe Amedeo di Savoia portato all'ambulanza alla battaglia di Custoza, conservato, quest'ultimo, nella raccolta del comm. Vittorio Basso di Milano. Artista di sottile, nervosa sensibilità, ricercò la verità tenacemente, appassionatamente, come avesse voluto penetrare a forza nel mistero della natura attraverso lo studio attento delle sue creature, anche le più umili. La sua pittura pare di una semplicità addirittura campagnola, ed è invece profondamente cosciente e senza incertezze né deviazioni. Il suo verismo ha un grande valore in quanto fu un movimento innovatore e talvolta precursore. Movimento di ribellione a tutte le regole accademiche, tradizionali, desiderio di vita e di respiro, desiderio di individualità che scosse e rinnovò tutta la Scuola napoletana. L'arte del Pa-lizzi è realistica, senza letteratura e senza accademia. Si avvicina un poco al quadro di genere, ma all'aria aperta e con quell'atmosfera chiara e larga che avvolge gli animali e le cose togliendo alle sue opere quella fredda secchezza caratteristica a quasi tutti i quadri di genere. Lavorò moltissimo e si può dire che in tutto il mondo sono sparsi i suoi lavori e quasi tutte le Gallerie italiane ne possiedono. La Galleria d'Arte Moderna di Roma ha una sala con trecento studi e bozzetti da lui stesso donati; in quella di Milano sono conservati cinque studi di animali. Fra le opere più note si rammentano: Animali, acquistata dalla duchessa di Berry, lavoro giovanile che lo rivelò ai contemporanei; Il mese di maggio e Ritorno dalla campagna, acquistate da Ferdinando II di Borbone; L'uscita degli animali dall'Arca di Noè, dipinto famoso esposto a Parigi nel 1867 e che Vittorio Emanuele II donò alla Pinacoteca di Capodimonte; Studio di asini, esposto a Parigi nel 1867 con Testa di vitello e Uno stagno: questi due acquistati dal Re del Portogallo; L'asinelio ferito, nella collezione del comm. Eugenio Balzan; L'amore del toro; Ritorno dal mercato e La caccia al cervo, tutt'e tre proprietà del comm. Guglielmo Poletti a Milano; Bacio nel deserto; Capre all'ovile; Una lepre ed una volpe appese a un ramo; Paesaggio al tramonto; Cane levriere; Il sorgere della luna piena; Sorgente d'acqua, cardi e donna seduta; Un manipolo d'erbe fiorite in bocca ad un bove; Interno di casa colonica; Discesa tra i pioppi; Cagnolino lupetto bianco; Un vitellino condotto a bere; Colombi; Sul laghetto; Albero di melagrano e donna che raccoglie i frutti; Le carezze agli asi-nelli; Un asinelio in cammino visto di fronte; Testa di vitello che mangia; Cagnetta che abbaia dietro un muro; Pastore che dorme, cane e capre sull'erba; Tre bufali; Elefante. Suo ultimo lavoro fu .Ecce Agnus Dei. Sotto quasto quadro, in una piccola targa a sinistra, il Palizzi scrisse di suo pugno questa affettuosa dedica : « Oggi 16 giugno 1893 compio anni 80 e sto alacremente lavorando in questo quadro « Ecce Agnus Dei » promesso in dono alla chiesa di San Pietro nel mio paese natio, Vasto. Quest'opera io eseguirò con gran trasporto e spero portarla a termine felicemente. Mi auguro che i miei concittadini l'accetteranno di buon grado e vorranno conservarla in memoria dell'affetto grande del loro vecchio concittadino Filippo Palizzi». Quest'opera, infatti, è tuttora custodita nella chiesa di San Pietro a Vasto.

stampa

contattaci

Figura femminile - 1852

Olio su tela

Firmato e datato in basso a sinistra

vedi scheda

Milano

Via Senato, 45

T +39 02 87 23 57 52

Mail: milano@enricogallerie.com

Genova

Via Garibaldi, 29 R

T +39 010 24 70 150

Mail: genova@enricogallerie.com

©2015 ENRICO Gallerie d'Arte - All Right Reserved - P.IVA 00985970094 | Privacy Policy | Cookie Policy | Site Map